Mom's Diary

In cucina con i miei figli: prepariamo gli involtini Primavera (con verdure)

Reading Time: 4 minutes

È andata più o meno così: ho visto per caso ieri al supermercato la pasta fillo e mi è venuto subito in mente che, tempo fa, avevo cercato di fare gli involtini primavera con la pasta sfoglia… per quanto commestibili, non è che fossero venuti un granché bene.

Pasta fillo: nella mia ignoranza culinaria, non sapevo nemmeno che esistesse e che cosa fosse.

Chissà dove devo andare per trovarla, mi sono anche detta; capitolo involtini primavera, dunque, archiviato, ma ieri questa pasta fillo, mi è capitata così, tra le mani e l’ho messa nel carrello.

Mi era giusto avanzata nei giorni scorsi, mezza verza (Simo ha fatto i pizzoccheri) e mi stavo chiedendo che cosa farne. Carote ne ho in abbondanza, visto che i miei figli in questi giorni, le sgranocchiano come due coniglietti golosi.

Cipolla, beh quella c’è sempre. Germogli di soia.. imi erano avanzate due confezioni di quelli in scatola della Bondouelle (non è pubblicità, giuro). Sarebbero meglio freschi, ma vanno benissimo anche quelli.

Salsa di soia, beh anche questa non manca mai a casa nostra perché spesso, il sabato sera, Simo ed io ci concediamo un sushi casalingo.

Insomma, oramai lo avrete capito: oggi per pranzo abbiamo finalmente cucinato gli involtini primavera! In questi giorni di quarantena, a tutti è presa la sindrome di Masterchef, vi confesso che io, invece proprio non ne ho voglia, ma i miei figli amano pasticciare con me in cucina, la ricetta è semplice e per tutta la mattina abbiamo tenuto spenta la TV.

Di ricette, sul web, ne trovate mille e più di mille, ma a Mattia e me, ha ispirato particolarmente questa:

Abbiamo messo il pc sul tavolo e abbiamo iniziato a preparare i nostri involtini. Com qualche piccola variante.

Ricetta per Involtini Primavera (solo verdure)

Ingredienti per circa 10 involtini:

– 1/2 cipolla

– 1/2 cavolo verza

– 2 carote

– sale q.b.

– pepe q,b.

– salasa di soia

Prima di tutto, abbiamo tagliato a listarelle le carote, la verza e la cipolla.

In una wok, abbiamo scaldato un po’ di olio di semi (noi abbiamo usato quello), e messo a soffriggere le cipolle. Dopo qualche minuto, quando queste sono diventate dorate, abbiamo unito carote e verza. Abbiamo fatto cuocere per un quarto d’ora, aggiungendo sale, pepe e anche un poco di salsa di soia (questa, rispetto alla ricetta del video, è una nostra variante). Infine, proprio gli ultimi minuti, abbiamo aggiunto i germogli di soia (anche questa una nostra aggiunta).

Dopo aver lasciato raffreddare il ripieno di verdure, mettendolo in un piatto fondo, abbiamo preso la famosa pasta fillo.

Ho scoperto che nella confezione, ci sono sette fogli sottilissimi, si rompono come niente. All’inizio ho fatto fatica: io non sono molto precisa.. sono onesta, così metà del primo figlio, è andato buttato. Poi, però, mi sono organizzata così: ho diviso in 4 ciascun foglio, messo al centro di essi il ripieno e poi, arrotolato un po’, come si fasciano le uova quando le si compra sfuse, non so se mi sono spiegata.

Dopo aver arrotolato una volta la parte bassa del foglio con dentro il ripieno, ho piegato i due lati esterni del foglio su se stessi e di nuovo, arrotolato tutto. Per chiudere bene, ho spennellato l’estremo del foglio con dell’uovo, un po’ come le buste per spedire le lettere.

Fatto questo, padella, olio e via, si friggono!

Ora, io resto una pessima cuoca, la mia cucina è sempre sul filo del rasoio, difficilmente mi concedo il tempo di cucinare con calma. Non amo preparare dolci, insomma se fossi ricca, valuterei di assumere una cuoca. Non prendete quindi, questo post come una ricetta perfetta, è semplicemente la nostra ricetta, dei miei bimbi e mia.

Un momento di condivisione, divertente per tutti. E’ tempo per stare insieme.

Leave a Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: