C’erano una volta Avolasca e il compleanno di un SuperEroe: il mio Papà

 

Sedetevi, prendete qualcosa di fresco da bere e in sottofondo ascoltatevi”buon viaggio” di Cesare Cremonini, perché è così che è nato questo mio nuovo post e quindi, creerete la stessa atmosfera e spero, di conseguenza,la mia stessa emozione. Ognuno di noi, immagino, ha un suo supereroe preferito: io, di sicuro sì. Non porta la tutina, non ha il mantello e nemmeno una maschera in viso, ma come tutti i supereroi, ha una identità segreta: fa il papà, il mio papà!

Vi garantisco che con il suo carattere un pò burbero, è di poche parole, ma tanti fatti! Se c’è una persona saggia e che ascolto sempre è lui. Luiha il potere di dirmi in faccia le cose che pensa e come stanno, a voltefa male, tanto, a volte fa bene. In ogni caso, raramente sbaglia, perché, ve l’ho detto, è un supereroe.

Come mai ve ne palo oggi?

Facile! E’ la sua festa, il suo compleanno! 76 candeline di saggezza ed esperienza, una moglie, due figlie, tanti sacrifici e tanti valori trasmessi. Coccole? Beh! Quelle si nascondono dietro a ogni cosa che fa, anche se lui pensa che io non me ne accorga. Una mia cara amica direbbe, dietro alle frittelle di mele che ci prepara a carnevale, per esempio.

Bene, allora a questo punto, potete immaginare come sia difficile trovareun regalo degno di un supereroe: alla fine, dopo anni di cinture, lacoste, camicie, pantaloni, un tablet (questo molto gradito…ne è diventato dipendente!), mia sorella ed io abbiamo optato per un bel pranzo in un posto che ci piace molto, dove si mangia benissimo, in un’atmosfera molto bucolica che a noi piace tanto.

Qui, ora, permettetemi di spendere due parole per questo agriturismo meraviglioso “La Vecchia Posta” di Avolasca (AL).

Non avete idea delle delizie ricercate e buonissime che vi cucinano. Vengono utilizzati principalmente i prodotti dell’azienda: verdure, uova,carne di manzo, tutti trasformati in piatti dai sapori delicati ed equilibrati tra loro. La presentazione è sempre molto curata.

Date voi stessi un’occhiata al menù di oggi.

Insomma io vi consiglio di andarci, troverete un’ambiente accogliente, curato nei dettagli e tante persone davvero carine e gentili. Un’altra cosa che ci tengo a dire sulla Vecchia Posta è che, se ci andate con dei bimbi al seguito, grandi o piccoli che siano, sappiate che sono ben graditi. C’è pure una cesta in sala con tanti giochini per loro. Mattia quando siamo usciti, ci ha sorpreso tutti con un “buona pappa, mamma!”.

Il paese dove si trova, Avolasca, (è più lungo pronunciarlo che girarlo tutto, ma nella botte piccola…. non si dice così?) è molto caratteristico, non ha negozi e nemmeno tantissimi abitanti, ma è accogliente e con degli scorci davvero suggestivi. Se vi piace la campagna, passeggiare in mezzo al verde e cercate un posto lontano dal caos della città, è il vostro posto.

Tornando al compleanno del mio papà, beh come vi dicevo, noi lo abbiamo festeggiato lì e dopo una settimana difficile, dove tra il caldo, lo spannolinamento di Mattia e il mio down stile pre ciclo, cambiare aria (aria insomma si fa per dire, c’erano 34 gradi!), ci ha fatto bene. Scrivo “ci” perché anche i bimbi, ovviamente, ne hanno giovato e in particolare, Mattia ed io ci siamo ritrovati.

Abbiamo avuto modo di fare un pò di cose insieme, soli lui ed io e questo è sempre magico. Abbiamo raccolto foglie, giocato con altri bimbi, ci siamo coccolati. E Amalia? Beh con la mia polpttettina dagli occhi grigio verdi, ci siamo coccolate e abbracciate tanto e ovviamente cuore a cuore non appena possibile, ma essendoci il papà, ne ho approfittato per stare con il mio ometto. Ne avevamo bisogno: ultimamente la sua gelosia verso la sorellina si è acuita e dedicare del tempo esclusivo a noi due, è sempre la soluzione giusta. Non solo, oggi sono arrivati i rinforzi: nonni e zia che si sono contesi la principessa di casa.Ora, rientrati a casa, sono qui in cucina, il papà guarda la partita e i bambini, io mi prendo un po’ di tempo per scrivere questo post e pensare che in fin dei conti, la vita è sempre questione di punti di vista, per cambiare un pò il mio, avevo bisogno di una boccata d’aria immersa nel verde della natura.

Ora sono pronta per iniziare questa nuova settimana.:

 “Chi ha detto
Che tutto quello che cerchiamo
Non è sul palmo di una mano
E che le stelle puoi guardarle
Solo da lontano…” 
Buon Viaggio. Cesare Cremonini

Per chi volesse andare a “La Vecchia Posta” di Avolasca eccovi il link:

http://www.lavecchiaposta-avolasca.com

Per chi, invece, volesse ascoltare con me “Buon Viaggio”:

Related Posts

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto