Prima regola di una mamma: mai essere invisibile a se stessa

Pulisco casa e penso. Sono giorni che voglio scrivere, che ho mille idee in testa, ma un po’ il tempo che manca, un po’ la corsa contro il tempo che scappa, non sono ancora riuscita a farlo. Così, pulisco casa e penso. Chi sono io? Ecco, bella domanda del cavolo. …

Quella parte vulnerabile di me: i miei figli.

Quando ho partorito Mattia, me lo ricordo come fosse oggi, subito dopo mi sentivo una leonessa, carica come una sveglia, fiera e sicura di poter conquistare il mondo. Non sto esagerando, mi sentivo davvero Wonder. Invincibile. Ecco, la parola più adatta a descrivere il mio stato d’animo in quel momento. …

Mettersi nei panni dei nostri figli e chiedere a noi stessi se ci piacerebbe essere trattati in quel modo è un ottima prospettiva con cui crescerli

La semplicità di un gesto, come quello di portare alla bocca un fusillo al sugo, con quelle manine paffute, piccoline e morbidose. Gustare il cibo, per imparare a gustare la vita. Gesti semplici, ma che se osservati con attenzione, commuovono, inteneriscono. Mangiare un fusillo, quante volte lo farà mia figlia …

Lettera ai MiniMe

Amori miei Lo so poteva andarvi meglio, ma forse anche peggio. Una mamma come me. C’è da mettersi le mani nei capelli. Quali mamma, mi dirai tu Amalia? Lo so, potevo fare di meglio, quelli di papà sono decisamente più belli, folti, tanti. Invece tu hai i miei, ma consolati …

Non possiamo essere per i nostri figli, come l’edera per i muri

Diventare madre mi ha appagato come nulla mai nella mia vita. Non c’è giorno in cui io non ringrazi il cielo. Diventare madre è stato il mio punto 2.0. Ho scoperto risorse in me che non sapevo di avere, ho acquisito maggiore consapevolezza. Da quel giorno, passo le mie giornate …