Posts in Tag

famiglia

Sono qui sul divano, l’albero da addobbare, scatole sparse qua e là. Una copertina sulle gambe. Come sapete, questo mio blog è il mio modo di condividere con voi la mia vita di mamma: ci sono gli alti, ci sono i bassi. Ci sono tutte le mie ansie, paure, gioie, tutte le mie emozioni. Dipende da come va la mia vita nell’esatto momento in cui decido di metterla nero su bianco. E sapete spesso, cosa mi fa venire voglia di scrivere? Una foto, una foto scattata al volo, mentre torno

Il sapore delle giornate in famiglia, volete sapere quale sapore ha la mia, oggi? In questo esatto momento di melanzane alla parmigiana, quelle che Simone sta preparando per stasera; della Bose accesa con una bella canzone in sottofondo; del vociare dei miei figli che giocano in sala, mentre noi siamo in cucina. Volete sapere che sapore ha, una bella giornata in famiglia? Quello di un tempo uggioso, cielo grigio, aria frizzante e i primi freddi. Una felpa sulle spalle, e quella sensazione di calore che ti viene da dentro, della

Se vi state chiedendo se sia possibile visitare Gardaland con due bimbi piccoli, andando e tornando nella stessa giornata, la risposta è sì. Ancora, se vi state chiedendo se, all’interno del parco, esistono attrazioni adatte ai più piccini ( sotto il metro di altezza), la risposta è ancora si. Assolutamente. Gardaland non delude mai: è divertimento, emozione e un turbinio di musiche e colori. Non ci andavo da quando ero ragazzina, da quando mai avrei immaginato di tornarci come mamma. Vi assicuro che, per questo motivo, ero molto emozionata. Forse,

Prendete il vostro smartphone, proprio ora. Andate nella cartella delle immagini  e ditemi: quante foto  avete dei vostri figli? Io al momento sono a più di mille, back up effettuato un mese fa circa. No, non è una cifra detta così per dire. È un numero reale. Mi sono chiesta più volte, perché invece che godermi il momento, quello in cui mio figlio fa la faccia buffa, quello in cui mia figlia salta nelle pozzanghere, non posso fare a meno di prendere il mio iPhone e scattare una foto. Il

Da marzo non ho più un lavoro. Dal 31 marzo 2017 sono mamma a tempo pieno, lavoratrice in stand by. Sino a settembre. Cioè sino a domani. Secondo i piani infatti, da domani inizia l’ora X, aggiornare il CV e iniziare a cercare lavoro. Part-Time 4/5 ore, la mattina. Comprare un biglietto alla lotteria e vincere. Suonano allo stesso modo vero? Eppure da sognatrice cronica e incallita, ho visto e vedo ancora nella decisione presa qualche mese fa (forzata da una ristrutturazione interna della mia ex azienda), un’opportunità di ridisegnare

1 2 Page 1 of 2